Lastre base acciaio non aderiscono bene al cilindro? [la soluzione]

Quali sono le versioni specifiche per la stampa dry-offset? Ci sono versioni più flessibili del Kodak Miraclon Letterpress che permettono di aderire perfettamente al cilindro?

Andiamo ad analizzare alcuni dettagli tecnici delle lastre Kodak Miraclon Letterpress con base acciaio al fine di ottenere ottimi cliché ed eccellenti risultati in stampa. 

SPESSORE DELL’ACCIAIO

Lo spessore per la versione standard del DS è di 0,26 mm. Esistono altre versioni dello stesso polimero con basi differenti: 0,15 e 0,19 mm.

Queste versioni sono più flessibili e consentono di adattarsi perfettamente al cilindro. Lo spessore dell’acciaio risulta flessibile per il montaggio sul cilindro stampa e allo stesso tempo non si arriccia a causa della tensione del polimero.

Grazie a questa caratteristica, sarà più facile archiviare e ristampare con gli stessi clichés.

LAVORAZIONE DELLE LASTRE

Le lastre Kodak Miraclon Letterpress DS base acciaio sono sia in versione analogica e richiedono quindi una pellicola sia in versione digitale e quindi precedentemente incise al laser tramite impianto CTP.

Per entrambi i tipi di lastre (analogiche o digitali ctp), il procedimento di sviluppo per le Kodak Miraclon Letterpress avviene tramite un impianto dotato di espositore, unità di lavaggio e forno e prevede diversi step:

ESPOSIZIONE PRINCIPALE
Per le lastre analogiche è importante accertarsi che la pellicola, pressata dal telo diffusore, sia ben aderente al fotopolimero. Consigliamo di mettere una scala stouffer (vedi immagine) vicino alla pellicola per controllare se, al termine dell’esposizione, abbiamo raggiunto lo step giusto.  Per il miraclon è 15° e il 17° gradino. Se non l’avete, potete ordinarla da noi!

La lastra Digitale Kodak Miraclon Letterpress DS prevede sempre lo step di esposizione ma non necessita del vuoto pertanto basterà riporre semplicemente la lastra nel cassetto dell’espositore.

Consigliamo anche per i file digitali di inserire la scala stouffer per il controllo dell’esposizione.

L’esposizione principale richiede circa  3-5 minuti a 1800-2200 mJ/cmq (300-400 nm) e deve raggiungere il 15°-17° gradino della scala. Il tempo corretto dipende dal tipo di lampade montate nell’espositore.

 

LAVAGGIO
Una volta effettuata l’esposizione, la lastra Kodak Miraclon Letterpress DS verrà posizionata nell’unità di lavaggio con acqua (senza aggiunta di alcuna soluzione chimica!) e si procederà alla rimozione di parte del polimero tramite il movimento delle spazzole. Gli impianti di nuova generazione prevedono l’apertura automatica a fine lavaggio: l’operatore non ha la necessità di stare davanti all’impianto ma può dedicarsi ad altro perché a fine ciclo, l’impianto si aprirà in automatico.

ESSICCAZIONE
Al termine del ciclo di lavaggio, si consiglia l’utilizzo di un rullino spugna per asciugare il polimero molto bene prima di metterlo nel forno. Si passa quindi alla fase di essiccazione della lastra Kodak Miraclon Letterpress DS: La temperatura consigliata è di 60-70°C per circa 10-20 minuti. I tempi dipendono dallo spessore della lastra, dal tipo di impianto utilizzato e dalla temperatura del forno impostata.

POST-ESPOSIZIONE
Al termine del lavaggio, la lastra verrà nuovamente posizionata nel cassetto dell’ esposizione e post-esposta. I tempi sono simili a quelli dell’esposizione principale. Una volta terminato il ciclo di post-esposizione, sarà possibile andare in stampa.

Le lastre Kodak Miraclon Letterpress DS base acciaio consentono molte ristampe. Per aumentare la vita di ogni cliché si raccomanda di non pulire le lastre con acqua in quanto, essendo idrosolubili, le lastre Kodak Miraclon potrebbero danneggiarsi.

E’ sconsigliato l’uso di solventi e di prodotti molto volatili perchè seccano eccessivamente le lastre e non consentono quindi una corretta archiviazione. Consigliamo sempre di utilizzare prodotti specifici per clichés come i detergenti della linea Ditom platecleaner prodotti dalla Flexoclean. 

Esistono lavacliché che consentono un perfetto lavaggio della lastra dai residui di inchiostro per una perfetta archiviazione.

Se i volumi di produzione sono alti, è consigliato optare per un piano di ingresso motorizzato e per un piano di uscita: il piano di ingresso trascina automaticamente le lastre di vari formati all’interno della macchina e le lava senza la necessità che l’operatore stazioni davanti alla macchina.

Al termine del lavaggio, le lastre saranno convogliate in un cestello raccoglitore nella versione standard oppure su un piano di uscita optional, anch’esso motorizzato.

Richiedi subito maggiori dettagli

Richiedi subito maggiori dettagli
sulle lastre Kodak Letterpress.
cb

Cristiano Bottazzini

Responsabile Area Tecnica

"Da 20 anni, supporto i responsabili di produzione nella realizzazione di cliché perfetti per ottenere la giusta qualità in stampa. La mia specialità è analizzare le variabili e dimostrare i risultati ottenuti tramite strumentazione elettronica.
Oggi faccio quello che più mi piace...
porto SOLUZIONI !"

Post suggeriti
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca